In bicicletta con la Fiab

In bicicletta con la Fiab e i candidati sindaco per spiegare direttamente a loro quali sono le problematiche dei ciclisti in città. Edoardo Gaffeo e numerosi candidati della coalizione civica che lo sostengono erano in prima fila alla pedalata organizzata dalla Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta (Fiab) di Rovigo nel pomeriggio di sabato 11 maggio.

Partenza alle 14.30 da Piazza Vittorio Emanuele II, sotto Palazzo Nodari, il gruppo si è diretto su Corso del Popolo per poi approdare in stazione dei treni, su viale Porta Adige, all’altezza dell’attraversamento pedonale di fronte all’Hotel Cristallo, poi a quello prossimo alla stazione degli autobus in via Benvenuto Tisi da Garofolo. Questi alcuni dei punti critici visitati a bordo della due ruote ecologica.

“Ci sono tratti chilometrici di piste ciclabili a Rovigo che partono dal nulla e finiscono nel nulla- dichiara Gaffeo- L’obiettivo è certamente quello dare un senso a questi percorsi, offrendo un servizio e un vantaggio per tutti i rodigini che vogliono spostarsi in bici. La prima cosa è quella di creare una rete integrata di piste ciclabili, come in autostrada: un ciclista deve poter raggiungere la città da una parte all’altra senza uscire dai percorsi e restando il più possibile in sicurezza con il proprio mezzo. Prima vanno concluse le piste ciclabili esistenti e poi si possono studiare quelle nuove”.

“Fondamentale è un piano del traffico urbano studiato con una sensibilità verso ciclisti e pedoni: marciapiedi in ordine, corsie preferenziali per le bici lungo la viabilità ordinaria, e installazione di un servizio di noleggio bici nei park della città” conclude Gaffeo.