Grazie Sgarbi per aver fatto capire ai cittadini di non votare Gambardella

“Vittorio Sgarbi torna a Rovigo e attacca il Papa e l’Accademia, oltre all’amministrazione Bergamin, forse non sapendo che le stesse persone che la componevano e sostenevano sono quelle che oggi sostengono Monica Gambardella, a favore della quale era organizzato il suo intervento. A Sgarbi, quindi, va comunque riconosciuto un merito: aver fatto capire in modo chiaro perché i rodigini non debbano votare domenica alle urne la candidata della Lega, che accetta in silenzio che chi parla per lei e con lei, attacchi in maniera inappropriata le Istituzioni della nostra città e del nostro Paese usando parole inappropriate e inopportune, che ci vedono completamente antitetici rispetto a lui, anche nei confronti di Papa Francesco. Anche l’attacco strumentale all’Accademia, prestigiosa e preziosa realtà culturale della nostra città, non può che vedere una nostra reazione indignata”. Con queste parole Edoardo Gaffeo, candidato sindaco del centrosinistra unito, evidenzia il paradossale comportamento della coalizione di centrodestra, che si è adagiata sul letto di insulti che ha offerto loro Sgarbi. “Non è certo un buon viatico per chi ambisce a governare nuovamente la città e che accetta che venga dileggiata in questo modo. Noi vogliamo che Rovigo sia fiera ed orgogliosa e non abbassi la testa davanti a nessuno. Noi vogliamo rispetto per i cittadini e per le loro istituzioni. Noi siamo l’opposto del centrodestra e della Lega anche in questo” conclude Gaffeo.