Pronta la delibera per la rotatoria Buso-Sarzano

“Partiamo con uno dei punti neri della viabilità che è stata anche un tema della campagna elettorale. Sto parlando della rotatoria che dovrebbe esserci tra le frazioni di Buso e Sarzano e che ancora non c’è. Ci siamo fermati qui a qualche metro dall’incrocio poiché è pericoloso andare a piedi in quella zona. La verità è che, contrariamente a quanto sostenuto dell’amministrazione Bergamin, durante l’ultima fase di governo, la nuova amministrazione sarà invece in grado di far partire entro luglio con la delibera di Giunta e poi il passaggio in consiglio comunale per far partire i cantieri dell’opera entro l’autunno 2019”. Edoardo Gaffeo, candidato sindaco del centrosinistra unito, nel segno del cambiamento, annuncia il primo atto concreto di quella che sarà la sua amministrazione a Palazzo Nodari. E lo fa a pochi metri dall’incrocio pericoloso che regola il traffico in entrata e uscita dalle frazioni di Buso e Sarzano e che si interseca con la strada regionale 443 poco lontano dall’ospedale di Rovigo dove ha convocato la stampa nella tarda mattinata di lunedì 31 maggio.

“L’amministrazione Bergamin, di cui la candidata del centrodestra è erede, aveva fatto una notevole confusione – prosegue Gaffeo – Per la realizzazione dell’opera avevano sostenuto che occorresse un ulteriore atto di natura amministrativa cioè la Variante Ambientale Strategica, la Vas, documento non necessario invece. E questo conferma quanto gli assessori di Bergamin o chi per loro non fossero minimamente in grado di controllare il processo. La rotatoria era già inserita all’interno del piano di assetto territoriale e la Vas era già stata fatta a monte nell’ambito dell’approvazione del Pat, il Piano di Assetto del Territorio. Non è necessario un ulteriore passaggio. Ora si può approvare l’opera e la conseguente variante urbanistica derivata. Lo schema di delibera è già predisposto, e siamo a presentarvelo. Io e la mia squadra saremo in grado di approvarlo già a partire dai primissimi giorni di luglio con il passaggio in giunta e già entro il 15 di luglio, cioè entro le vacanze estive faremo il passaggio in consiglio comunale in maniera tale da partire con le procedure di esproprio e di appalto e di far iniziare i lavori già entro fine autunno o al massimo entro la fine dell’anno. I soldi ci sono già, sono già accantonati sono 750mila euro, vanno solo utilizzati senza altri ritardi”.

Ecco il testo della proposta di delibera.

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.1

DA APPROVARE IN GIUNTA ENTRO IL 1 LUGLIO E IN CONSIGLIO NON OLTRE IL 10 LUGLIO

OGGETTO: approvazione variante urbanistica derivata dalla rotatoria all’incrocio di viale Tre Martiri con via Ippolito Nievo (Buso) e via Dei Mille (Sarzano-Mardimago)

 

IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso che: che l’incrocio in questione è uno dei punti neri della viabilità cittadina, teatro di gravi incidenti, uno dei quali dall’esito mortale, e che i residenti nelle frazioni di Buso, Sarzano e Mardimago attendono da anni una soluzione alla pericolosità di questa intersezione

Considerato che: l’intervento di realizzazione di una rotatoria è già finanziato ed è già stato approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica

Ritenuto che: sulla base del rapporto ambientale del Piano di Assetto del Territorio, all’interno del quale era già già prevista la rotatoria in questione, non sussistoe la necessità per l’ulteriore specifica Valutazione Ambientale Strategica, un parere che serve per valutare la coerenza rispetto degli strumenti di pianificazione urbanistica e garantire il rispetto dell’ambiente. Per l’approvazione del Pat provinciale, infatti, sono già stata espletate tutte le procedure di Vas.

DELIBERA

di concludere nel rispetto dei termini di legge la conseguente variante urbanistica derivata dall’approvazione dell’opera pubblica in oggetto e le successive procedure di esproprio in modo da permettere l’appalto dei lavori e l’apertura dei cantieri entro la fine dell’anno in corso.